Screening Dermatologico

Perché si deve fare la prevenzione Dermatologica?

 
Fai il Test!

Il melanoma è il più aggressivo dei tumori della pelle che può originare non solo nella cute, ma anche nelle mucose e nell’ occhio. È un tipo di cancro particolarmente aggressivo che ogni anno, in Italia, fa registrare 7000 nuovi casi e 1500 decessi.

Tumori anche di piccole dimensioni, infatti, possono avere un decorso molto grave. L’incidenza, che è in progressivo aumento in tutto il mondo negli ultimi decenni, viene imputata in parte alla crescente, eccessiva esposizione al sole. In Italia l’incidenza è tendenzialmente maggiore nelle donne ed è più frequente al Nord.

I tumori cutanei possono essere prevenuti con visite di controllo accurate della nostra pelle. Il sole e gli agenti inquinanti ne sono i principali responsabili. L’osservazione periodica della nostra cute (autoesame) e attraverso una visita dermatologica, consente di scoprire precocemente le lesioni cutanee a rischio di formazione di tumori nel corso del tempo.

Tali lesioni “precancerose” possono essere trattate o rimosse facilmente, evitando interventi chirurgici più complessi o l’evoluzione in veri tumori aggressivi.

Fattori di rischio individuali:

  • Storia familiare di melanoma
  • Storia personale di melanoma
  • Fattori fenotipici della cute: chiara, capelli rossi o biondi, occhi azzurri, efelidi
  • Presenza di un numero elevato di nevi (> di 50), nevi atipici e congeniti
  • Pregresse ustioni solari 
  • Malattie genetiche: xeroderma pigmentoso
  • Immunosoppressione
  • PUVA terapia
Fattori di rischio ambientali, legati allo stile di vita:
  • Esposizione incongrua alla luce solare
  • Esposizione incongrua a radiazioni artificiali (lettini e lampade abbronzanti)
  • Protezione insufficiente delle creme solari per lunghe esposizioni

Cosa possiamo fare da soli? 

  • Autoesame della pelle: per un corretto autoesame è necessario spogliarsi completamente ed osservare tutta la superficie cutanea, incluso il cuoio capelluto e le pieghe interdigitali e la pianta dei piedi, facendosi aiutare da un familiare o utilizzando due specchi per evidenziare le zone meno accessibili.
  • Evitare le ustioni solari soprattutto in giovane età e in soggetti con pelle chiara (fenotipo I e II) e con molti nei.                                                                       Utilizzare ombrelloni, teli, copricapo e indumenti.
  • Evitare di esporsi nelle ore centrali della giornata: dalle 11:00 alle 16:00.
  • Evitare l’uso di essenze e profumi prima dell’esposizione al sole, poiché possono produrre effetti secondari di allergie e scottature a seguito dell’azione dei raggi UV.
  • Utilizzare creme e schermi solari adeguati al proprio fenotipo e al tempo di esposizione. Queste devono essere applicate ripetutamente e non devono indurre comunque a prolungare l’esposizione solare.
  • Ricordare che i dispositivi abbronzanti (lampade UV-A) rappresentano comunque un rischio in età giovanile e nei fenotipi I e II.

Come si svolge la visita? 

La visita dermatologica presso gli ambulatori LILT consiste in:

  • Osservazione clinica con dermatoscopio manuale dei nei e delle lesioni cutanee a rischio;
  • Acquisizione delle immagini delle stesse con epiluminescenza computerizzata;
  • Controllo periodico delle lesioni dello stesso paziente;
  • Indicazione delle modalità più corrette di trattamento.
Dott. Massimo Papi

Quali sono i consigli dello Specialista LILT?

Osservarsi con attenzione!
Il sintomo principale è il cambiamento nell’aspetto di un nevo o la comparsa di uno nuovo.
Gli aspetti morfologici da valutare sono riassunti dalla sigla ABCDE:

  •  A Asimmetria—> irregolarità di forma: una metà del nevo è diversa dall’altra
  •  B Bordi—> bordi irregolari, frastagliati
  •  C Colore—> scuro o non uniforme con sfumature nell’ambito dello stesso nevo
  •  D Dimensione—> maggiore di 6 mm di diametro
  •  E Evoluzione—> elevazione, estensione, emorragia spontanea e senza traumi
Dott.ssa Cristina Rota